Medici e associazioni: «Le diete vegane non fanno bene a nonni e nipoti»

Medici e associazioni: «Le diete vegane non fanno bene a nonni e nipoti»

Si avvicina la Pasqua e i social, come ogni anno, ospitano immagini di teneri agnellini che invitano a fare i conti con la propria coscienza non mettendo in atto una mattanza. I vegetariani, ma ancora di più gli integralisti vegani, guardano con aria di riprovazione e orrore a coloro che si apprestano a consumare, come tradizione e rito prevedono, della carne di agnello.

La Presidente di #IoCosì Sara Manfuso, con amara ironia e con la forza comunicativa della campagna fotografica curata dal pluripremiato Marco Garofalo, in occasione della Pasqua ricorda uno dei temi che tanto hanno fatto discutere: l’imposizione della dieta vegana ai minori da parte dei propri genitori.
Fermamente contraria si rifà all’evidenza scientifica con la forza di pareri medici che non lasciano molto spazio a interpretazioni e che fanno il paio con tristi casi di cronaca in cui bambini e ragazzini hanno subito danni irreversibili al proprio organismo a causa della dieta imposta. Non a caso, una proposta di legge nella passata legislatura è stata depositata in Parlamento per sanzionare simili condotte da parte dei tutori nei confronti dei bambini e dei ragazzi che subirebbero una vera e propria violenza alimentare.

“Un tale regime alimentare è in totale disequilibrio con quelle che sono le reali necessità dell’individuo e dannoso nel lungo termine. L’apporto di vit B12, D, acidi grassi essenziali e minerali quali  Calcio, Ferro, Zinco è iniquo e necessita di una integrazione farmacologica. Pertanto la dieta vegana è assolutamente controindicata e dannosa in periodi delicati come infanzia adolescenza gravidanza e terza età. Tra le patologie che ne derivano, si ricordano osteoporosi, anemia perniciosa anemia sideropenica.

Dopo un anno di alimentazione vegan, si è probabilmente giunti al ‘fondo del barile’ della vitamina B12. Una carenza piuttosto comune tra i vegani, visto che si trova quasi esclusivamente in alimenti di origine animale. La vitamina B12 è fondamentale per il sistema nervoso, per le cellule, per la memoria
uno dei cambiamenti più preoccupanti avviene dopo qualche anno, e cioè quando si verifica una carenza di calcio”.

Queste le parole del dottor Vito Monti, direttore dello Studio Diagnostico Pantheon – realtà accreditata a livello internazionale  – sua spalla nella lotta per la tutela dei minori anche in questo settore.

Fonte Leggo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *